comunicazione

          Comunicazione

Per qualsiasi azienda che voglia presentarsi o voglia rimanere in modo adeguato nel proprio mercato di riferimento non è più sufficiente che produca un buon prodotto, che lo inserisca in una rete commerciale ben strutturata ed abbia un buon prezzo. Oggi chi vuole vendere il proprio prodotto deve presentarlo al suo target di riferimento, farne conoscere le caratteristiche distintive che ne esaltino i benefici nei confronti dei prodotti della concorrenza.

Perché la comunicazione abbia successo, deve essere gestita da specialisti esperti di settore; questa azione garantirà una comunicazione efficace ed una adeguata cura dell’immagine aziendale e del suo prodotto presso il consumatore. Operando questa scelta l’azienda si troverà di conseguenza ad inviare messaggi e operare in due settori: quello della comunicazione e quello del prodotto.

Il processo di comunicazione

la comunicazione viene definita come la trasmissione di informazioni  tra persone con un fine determinato, utilizzando diversi mezzi. Secondo Lasswell, il processo di comunicazione può essere definito in alcune fasi:

La fonte del messaggio: chi trasmette l’informazione (emittente)
Analisi del contenuto: che cosa viene trasmesso (scelta del messaggio)
Analisi dei media: scelta dei canali di trasmissione del messaggio
Analisi del pubblico: a chi viene rivolto il messaggio ( target di riferimento)Analisi dei risultati: effetto sulla comunicazione.

Questo modello risultava non completo e nel corso degli anni si sono aggiunti altri elementi:

la codifica, la decodifica il feedback, il rumore.

Seguendo questa linea, risulta che la comunicazione è un processo mediante il quale l’emittente codifica  e invia un messaggio attraverso i canali prescelti col fine di influenzare il target ricevente il quale decodifica il messaggio e attiva un meccanismo di feedback mediante il quale l’emittente valuta la risposta del ricevente ed elabora le fasi successive del processo comunicativo.

Una comunicazione efficace si sviluppa in sette stadi:

Identificare il proprio target di riferimento
Determinare gli obiettivi della comunicazione
Elaborare il messaggio
Scegliere i canali per la comunicazione
Preventivare il budget di spesa
Decidere il mix promozionale
Valutare i risultati.

Definizione del messaggio:

Dopo che si è deciso quale tipo di risposta si vuole ottenere dal proprio pubblico, chi comunica deve delineare le caratteristiche del messaggio. Un messaggio ideale dovrebbe essere in grado di attirare l’ attenzione, mantenere l’interesse, sollecitare il desiderio e indurre il consumatore all’azione. Il processo di formulazione del messaggio deve rispondere a quattro quesiti:

Che cosa dire (contenuto del messaggio)

Come scriverlo in modo logico (struttura del messaggio)

Come confermarlo a livello simbolico (formato del messaggio)

Chi dovrebbe dirlo (fonte del messaggio).

Dopo aver puntualizzato gli obiettivi che vogliamo perseguire attraverso la pubblicità possiamo avviarci alla fase esecutiva. L’ideazione e la programmazione di una campagna pubblicitaria devono inserirsi in una strategia di marketing e di comunicazione ben definite. La strategia viene generalmente suddivisa in quattro fasi:

  • Scelta del messaggio da comunicare;
  • Elaborazione del piano media;
  • Definizione del budget di spesa;
  • Misurazione dell’efficacia della campagna;
    Tutte queste fasi non devono assolutamente essere lasciate al caso, sia perché la pubblicità ha un forte impatto sull’immagine della marca, del prodotto e dell’azienda, sia per il rilevante costo economico, sia perché queste fasi sono strettamente connesse tra di loro.